mercoledì 1 ottobre 2008

Un'immersione senza entrare in acqua...



....Leggendo il titolo penserete che sono impazzita (se mai aveste potuto pensare che fossi normale!)....e invece no....ieri sera è successo proprio questo perchè dopo quasi 3 mesi di pausa estiva sono ripresi i corsi yoga di cui vi avevo dato comunicazione un pò di tempo fa...e naturalmente io c'ero!!!
Aspettavo questa serata da un pò...non l'avrei mai detto che mi sarei ritrovata a fare yoga (io chiamata anguilla elettrica...iperattiva...sempre in movimento) e soprattutto a non poterne fare a meno...è proprio vero quello che mi ha detto Franca (la mia maestra yoga) qualche mese fa: "quando incontri lo Yoga non lo lasci più...o meglio è lui che non ti lascia...ti entra dentro."
E lo yoga mi è entrato dentro proprio come il mare...ieri sera finalmente sono ritornata al completo abbandono che riesco ad avere solo quando sono in acqua...una sensazione che è difficile da spiegare...ma ci provo usando alcune frasi tratte dal libro di Armando Lombardi "Il libro dell'apnea" che spiegano permettamente quello che provo in acqua e durante le sedute di yoga:
"L'azione armonica di un corpo che si espande nell'elemento che lo accoglie cercando una felicità più piena e più stabile: come quella di un maestro di yoga che, senza alcuna meta da raggiungere, nei soliti gesti trova, ogni volta con naturalezza e senza sforzo, una profondità nuova".
Lo yoga per me è questo ma anche la possibilità di seguire quelle che sono le necessità del mio fisico che strapazzo 365 giorni l'anno e che ha bisogno di lasciare andare tutte le tensioni che accumula per forza di cose....mi fa sentire un pò come il paguro nella foto...protetto dalla sua conchiglia!
Avevo piacere di condividere con voi queste emozioni e questa "magia" che sento tutte le volte che entro nella dimensione dello yoga!

Consiglio a tutti di provare questa fantastica esperienza...fosse solo per venire ad allungarsi un pò e per prendersi 2 ore di assoluto riposo fisico e mentale!!

2 commenti:

Lidia_geco ha detto...

Personalmente non mi sono mai avvicinata alla disciplina dello yoga, pertanto non saprei dire più di tanto in merito a questo argomento, ma di una cosa sono sicura e quindi mi permetto di scriverla: le torte di riso dell'insegnante di yoga sono fantastiche! Molto buone, energiche e di molto utili per il pre e il post immersione!
Grazie Sig. Franca, e grazie Anguillina per averci dato la posiibilità di testare questo "prodotto della disciplina yoga"!
Bacio

ilaria - anguilla elettrica ha detto...

Ogni posizione dello yoga (le posizioni si chiamano ASANA)hanno lo scopo di portare il nostro corpo all'equilibrio....
Tra le tante Asana che Franca ci ha insegnato c'è quella chiamata "MASTICASANA"....e la torta di riso è un ottimo mezzo per praticare questa posizione yogica che appaga lo spirito e il nostro stomaco!!
Una sana mangiata è molto più yogica di quello che si possa pensare!!