giovedì 19 marzo 2009

UNA DOMENICA A FRAMURA




Siamo tre compagni corso di pesca tre amici, io(giano) alezan e guido, tre pesca apneisti incalliti uno più dell'altro ecc!!! Insomma chiamateci un pò come vi pare. UN tuffo a Framura tutto è nato il mercoledì sera 11 del mese corrente, dopo l'allenameto in piscina io e guido ci soffermiamo a fare due chiecchere, e fra una chiacchera e l'altra decidiamo di fare una pescata diversa dal solito: decidiamo di andare a Framura per una pescata, avvisato alezan ci mettiamo daccordo per l?orario di partenza. LA sera di sabato 14 marzo dò un colpo di telefono al gavri per farmi dare le indicazioni stradali per arrivare a framura, una volta preso gli appunti del percorso chiamo alezan e gli dico che il punto di ritrovo per partire e al parcheggio della piscina a Sarzana per le 8:30 am, alezan mi dice "ti passo a prendere alle 8:00 ", io rispondo ok . DOMENICA 15 MARZO, dopo una colazione a base di fette biscottate e marmellata un tazza di te giungono le 8:00 dopo poco mi sono preparato l'attrezzatura e alle 8:10 è arrivato alezan, caricata la mia atrezzatura sulla sua macchina ci avviamo verso il parcheggio della piscina, giunti al parcheggio dopo poco è arrivato guido, dopo i saluti e strette di mano e il rispettivo buon giorno caricata l'attrezzatura di guido si parte destinazione framura. Durante il tragitto in autostrada il navigatore dà i primi segni di squilibrio perchè non si riesce a ricaricare dovuto ad un piccolo problema tecnico, giunti all'uscita di Deiva marina si prosegue per Framura, ma al primo bivio il navigatore dice di girare a destra mentre la segnaletica dice di girare a sinistra un pò perplessi ci guardiamo in faccia e prendiamo a destra fatti 100mt ci rigiriamo e per un pò andiamo con la segnaletica nel fattempo risolviamo il problema del navigatore ma siamo da capo perchè giunti ad un secondo bivio il navigatore ci dice nuovamente di girare a destra rifacciamo un centinaio di metri circa poi chiediamo ad un signore seduto su un poggio a fumarsi una siga, alezan gli pone la classica domanda:"scusi per framura andiamo bene?" il signore risponde:"no dovete tornare in dietro e al cimitero andate dritti", facciamo nuovamente dietro front arriviamo al bivio da cui siamo arrivati, sulla mia destra ho il cimitero dico a ale"via tira dritto" e guido a sua volta dice"vai che ci siamo " però il navigatore dà i numeri per cui poco più avanti c'è uno spiazzo, ci fermiamo per capire cosa abbia il navigatore io e guido ne approfitiamo per fare un pit stop urgente, ricontrollati tutti i dati il navigatore ci dava la via pre levanto ci riguardiamo in faccia per l'ennesima volta e salta fuori un esclamazione all'unisono"ma!!!", poi come per incanto arrivano due personaggi alquanto non rassicuranti al primo impatto gli chiediamo informazioni ma abbiamo beccato due napoletani che purtroppo nemmeno loro sapevano dove andare, io mi accorgo di una signora che stava spaccando della legna credo dato che io mi ero seduto in macchina, ho detto"ale chiedi alla signora "la quale ci disse"framura è quel pesino che si vede li di fronte ", ringraziata la signora si rimonta in macchina e via ma il navigatore continua a dare i numeri alla fine alezan si accorge che era girato alla rovescia per questo che dava le indicazioni errate, comuncue giunti alla stazione di framura tiriamo fuori l'attrezzatura le mute e cominciamo a vestirci nel frattempo arriva un treno da cui scende una comitiva di anzianotti mentre aspettano di raggruppasi tutti, e noi li a spogliarci il capo gruppo dice"guardate il panorama e le meraviglie di framura"riferendosi a noi molto scherzosamente, ed è scoppiata una bella e sana risata collettiva che ci ha tirato un pò su almeno per me e stato così, comunque abbiamo finito di vestirci e poi ci siamo avviati alla spiaggetta da cui siamo scesi in acqua, abbiamo fatto un bel giro il posto è stupendo purtroppo pesce poco o ancora assente qualche sarago intravisto, alla fine della pescata il risultato guido e ale stanchi morti io ho fatto 2 tiri e portato a paiolo uno scorfano 2 etti e un polpo di 1.865kg, dopo le foto di rito torniamo alla macchina ci svestiamo e ci rimettiamo in cammino verso casa ma! presi dai crampi della fame ci fermiamo in un bar per un panino ma aimè non fanno i panini il barista ci dice di guardare al ristorante se fosse sempre aperto dicendo"forse un piatto di frittura di quella buona ve la fanno sicuramente" ma noi abbiamo imboccato l'autostrada e al primo autogrill ci siamo fermati, abbiamo preso tre panini due pacchetti di biscotti alle mele un pacchetto di caramelle e poi giù con le cioccolatine della kinder, finito il pranzo siamo tornati a casa ci siamo salutati dandoci appuntamento alla prossima pescata.
Una bella giornata avventurosa ma bella diversa dal solito ciao alla prossima giano.

4 commenti:

ilaria ha detto...

Semplicemente mitici!!!!!!!

La foto di alezan e guido in conformazione apnea tecnica è da imparare!!

francè ha detto...

Complimenti ragazzi è stata una avventura specialmente per arrivarci!! ho cercato di creare un piccolo blog ma ho sbagliato qualcosa si vede solo accedendo dal mio nome sulla lista!! aiutooo!!

AleZan ha detto...

per Giano: grande... MITICO ... grande.Peccato che l'avventura non sia finita con un po' più di catture, ma già la bellezza del mare ha ripagato gli sforzi.
Per Ila.... bhè so che stenterai a crederci me è la tecnica di aspetto che mi riesce meglio!!! T'Haspettoall'Hasciutto... (il nome giapponese appunto!!!)
Saluti a tutti...

gavriol ha detto...

Mitici Ragazzacci...
A volte la Pescata è splendida anche senza pesce ...
Comunque il polpo alla Diavola si può mangiare... con tante patate...
GRANDE GIANO...