domenica 14 giugno 2009

Prova in MARE prodotti SPORASUB-ONE


Inizio il post con i ringraziamenti:
A Gianni Dalla Colombina per averci fatti partecipi di questo evento.
Al Direttore commerciale Omer-Sporasub-One Lorenzo Borri e per aver permesso a tutti di provare i prodotti.
Al circolo Vela e Motore per la logistica e l'organizzazione.
Al Circolo Spezia Sub.
Alla Pubblica Assistenza di Lerici per aver vigilato su di noi per tutta la manifestazione.

Fatti i dovuti ringraziamenti il racconto della giornata inizia con il ritrovo presso La Vela e Motore dopo aver messo in mare il gommone dello Spezia Sub con alla guida il grande AGO.
Dopo aver ritirato i prodotti da provare e dopo l'immancabile foto di gruppo partiamo spediti per lo scoglio Ferale.
Personalmente non sono molto sicuro quanto a visibilità in acqua ma il mare è veramente una tavola e il tragitto scorre veloce arriviamo al Ferale e al momento di buttare l'ancora mi accorgo con soddisfazione che si vede il fondo.

Iniziamo la vestizione compreso il materiale in prova (maschere, fucili, pinne, plancetta e torcia) con il mio compagno di prova ALE ZAN ci scambieremo il materiale in prova.
Iniziamo dalla maschera che è molto comoda e morbida rimango sorpreso dall'ottima visibilità nonostante il volume ridottissimo, molto facile la regolazione del cinghiolo l'impressione è veramente ottima.
Calzo le pinne e quasi mi viene da ridere sembra davvero di infilarsi un paio di scarpe con chiusura in velcro, la prima cosa che noto è l'estrema comodità rispetto alle pinne tradizionali ma vista la forma resto con il dubbio di un eccessivo derapamento laterale della pala... niente di più sbagliato alla prima capovolta le pinne mordono l'acqua in maniera uniforme senza nessuna sbavatura dopo aver fatto qualche tuffo ho la sensazione di avere le scarpe larghe, provo a stringere il velcro e la reattività della pala ritorna immediatamente, provo qualche stacco dal fondo violento e la pala si comporta in maniera eccelsa, mentre riemergo penso a quante volte ci possiamo sbagliare a dare un giudizio senza aver provato un prodotto.
Prendo in mano l'arbalete 75 e noto l'estrema manegevolezza dell'arma, anche il caricamento è agevole e la testata aperta permette una linea di mira ottimale, buono il brandeggio laterale dato anche dalla forma che avvolge l'elastico teso, ottimo il bilanciamento e l'assenza assoluta di rinculo.

Stiamo testando anche la plancetta che si rivela utilissima anche come punto di appoggio per lo scambio dei materiali, molto utile l'avvolgi sagola ed il vano portaoggetti dove posizioniamo la torcia e un piombo di scorta nonchè una borraccia, abbiamo posto per due fucili fissati con velcro e vari ganci per tutti gli eventuali accessori per la pesca.


Continuiamo i nostri tuffi e le nostre prove in un ambiente ideale...talmente ideale da regalarci un branco di barracuda che ci sfilano imperterriti sul fianco...seguiti da un vortice di mormore... Ilaria che ci stà facendo le foto mi fà un segno inequivocabile...ha finito la batteria della macchina fotografica.
Ci svestiamo per il rientro e parlando tutte le sensazioni prendono forma...
Che dire... alla prossima ...un saluto da Ale Zan e dal polpo (il nuovo amico dell'ilaria)



P.S.: prossimamente i video

2 commenti:

ilaria ha detto...

Io che "spiavo" gironzolando qua e là mi sono divertita da morire!!

E il banco di barracuda a neanche 3 m di profondità è stato fantastico!!...peccato che la batteria della macchina fotografica mi aveva abbandonato prima!
Pazienza...il ricordo è stampato nella mente!!

AleZan ha detto...

Grande Ila... egregio lavoro.... grazie per foto e filmati