mercoledì 28 marzo 2012

Serata di Pranayama


Aprile inizia con una serata dedicata alle tecniche di respirazione yoga!
Come ormai consuetudine, la serata sarà anche dedicata al rilassamento e a semplici pratiche da utilizzare nella vita di tutti i giorni ma anche e soprattutto prima delle nostre uscite in mare.

La grossa novità è che la serata si terrà presso la nuova sede del Centro Yoga e Benessere Olistico di Arcola... una nuova atmosfera la magia sarà sempre la solita!

Vi aspettiamo!
Per maggiori info non esitate a contattarci

lunedì 26 marzo 2012

Toccato il fondo della Fossa delle Marianne!



Notizia freschissima comparsa sul Corriere della Sera on line!

James Cameron, il regista 57enne di Titanic, Avatar e di Abyss, è il primo uomo ad aver raggiunto, a bordo di uno speciale sottomarino, il punto più profondo della terra nella fossa delle Marianne, 10.898 metri sotto il livello del mare.

SPEDIZIONE STORICA - La storica spedizione Deepsea Challenge è la prima esplorazione estensiva della fossa delle Marianne con lo scopo di toccare il punto più basso, il Challenger Deep. Secondo quanto divulgato dal National Geographic, che ha partecipato all’organizzazione della spedizione, il regista ha trascorso circa tre ore sul fondo del Pacifico prelevando campioni di superficie per la ricerca scientifica e scattando foto.

Prima di lui, solamente l’oceanografo svizzero Jacques Piccard e il luogotenente della Marina americana Don Walsh avevano esplorato, il 23 gennaio 1960 a bordo del batiscafo Trieste di fabbricazione italiana, la fossa delle Marianne senza però raggiungere la profondità toccata dal regista canadese. Il fondale era stato raggiunto solamente da due robot sottomarini, il giapponese Kaiko nel 1995 e l'americano Nereus nel 2009.

Riemerso a circa 320 chilometri a sud-ovest dell'isola di Guam, Cameron ha commentato così, su Twitter, il suo viaggio nelle profondità marine: «Toccare il fondo non è mai stato così bello. Non vedo l’ora di condividere con voi le immagini».

Per ascoltare il video servizio cliccate sul link sotto!



domenica 25 marzo 2012

Un assaggio del week end a Lerici

Grazie ad un week end soleggiato, il Big Manta ha di nuovo solcato le acque della costa di Lerici.
Questo è solo un assaggio di quello che si può vedere sott'acqua!
Sicuramente alcuni soggetti come le serpule si apprezzano maggiormente in ARA... ma per l'ambiente la Caletta forse si apprezza al massimo in apnea: anfratti e grottine per per "svolazzare" sulle colonne romane diventate subastrato per gorgonie e spugne... (ne potete vedere uno scorcio nella 4° foto).
A breve altre immagini della costa di Lerici!






giovedì 22 marzo 2012

Un futuro per Lerici

Abbiamo aspettato  a raccontare la serata di Venerdì 16 Marzo dedicata all'archeologia subacquea non perchè non avessimo niente da dire ma perchè sapevamo benissimo che la discussione sul relitto della Caletta non si sarebbe esaurito appena conclusa la serata (di solito funziona così... anche quando c'è un folto pubblico ad ascoltare)!

Oggi è uscito l'articolo sulla Nazione dedicato al relitto della Caletta e alla serata, per la quale ringraziamo gli esperti archeologi Marco Casola e Gianpiero Martino per averci riportato non solo indietro nel tempo con le loro spiegazioni ma anche per averci fatto capire quali sono tutte le potenzialità che il passato ci offre.
Ed è proprio di queste potenzialità che parla l'articolo.

Per leggere bene cliccate sull'immagine!

mercoledì 21 marzo 2012

Il Presidente Napolitano a Vernazza



Ecco uno stralcio dell'articolo uscito sul Secolo XIX on line sulla visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

" Vernazza è in festa, con i tricolori alle finestre, per l’arrivo del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha accolto l’invito della Regione e deciso di visitare di persona i borghi colpiti dalla alluvione del 25 ottobre scorso. Per un giorno, dunque, il borgo dimentica le fatiche della ricostruzione e accoglie il capo dello Stato e le autorità locali per riflettere su quanto accaduto.
«Le immagini» come questa dell’alluvione che ha colpito le Cinque Terre sono immagini «troppo frequenti ormai in Italia» ha detto il capo dello Stato, che ha percorso le vie del piccolo paese accolto dai cittadini con i quali si è fermato a più riprese a parlare e a stringere mani.
Napolitano non ha potuto fare a meno di notare come la ricostruzione di Vernazza sia in stato avanzato a pochissimi mesi dalla tragedia: «È la seconda volta che vengo da presidente, la prima volta per un elemento negativo e questa volta per un elemento positivo», ha infatti osservato compiaciuto nel constatare che il paese sta tornando alla vita."

Per leggere l'articolo completo SECOLO XIX

domenica 18 marzo 2012

Squalo volpe pescato a Tellaro


Ieri mattina è stato pescato un esemplare di squalo volpe nelle acque di fronte a Tellaro.
Sotto trovate il link al blog di Leonardo D'Imporzano che ha scritto un articolo sull'argomento e per il quale ho dato un piccolo contributo (anzi... grazie Leo per aver chiesto il mio aiuto!)

In più a quanto ha scritto Leonardo aggiungo che purtroppo o per fortuna la nostra zona, almeno nei tempi passati, è terra di squali. Nelle vecchie carte dei pescatori il tratto di costa tra Tellaro e Punta Bianca era una zona di pesca alle verdesche per i vecchi pescatori.

giovedì 15 marzo 2012

Una task force per il Corallo di Calafuria


foto di Stefano Frascati

Ecco una news che lo letto sulla pagina Facebook dell'Associazione Costiera di Calafuria (LI) e che non potevo non divulgare!
E' troppo importante! Dobbiamo proteggere il nostro mare e le sue risorse prima che sia troppo tardi!
Quindi dobbiamo mobilitarci in tanti ed il prima possibile! Il Corallo Rosso ha bisogno di ognuno di noi!

"...succede che se i corallari non possono lavorare in Sardegna perché la regione ha deciso di allinearsi con le direttive europee (vietata la pesca di corallo entro gli 80 mt) allora si va a Livorno e si porta via tutto nei 40 mt di fondale davanti a Calafuria. E a Livorno, succede che la Capitaneria legalizza il disastro poiché obbligata dalla legge e non riesce nemmeno ad intervenire in tempo quando i corallari sardi tirano su briciole di "oro rosso" utilizzando un ROV. Si stanno mobilitando biologi, giornalisti associazioni e privati per redarre un documento che provi il danno enorme che i corallari sardi stanno facendo ogni giorno, ma la lentezza esasperante del sistema lascia tutti coloro che amano i nostri fondali attoniti mentre guardano sbigottiti quei maledetti killer in azione. Regione Toscana assente, leggi sbagliate, autorità con le mani legate sono tutti motivi validi perché la comunità subacquea intervenga in prima persona ostacolando l'operato dei corallari finchè chi ha davvero l'autorità eserciti il suo potere. Aiutiamo il nostro mare... aiutiamo noi stessi. L'associazione Costiera Calafuria e' in prima linea nella guerra a questo scempio. Chi è interessato può iniziare ad aiutare contattando l'associazione tramite internet.
La nostra associazione è nata da pochissimo, e già si trova a dover fare i conti con un problema enorme. In poche settimane questi pescatori, che sono già all'opera, sono in grado di ripulire completamente i fondali di Calafuria. Tengo a precisare che la loro opera è legittima, essi hanno una regolare licenza di pesca rilasciata dalla Capitaneria di Livorno. Per questo motivo le nostre iniziative dovranno essere chiare e procedere per vie istituzionali. Stiamo, in queste ore, presentando un esposto in Regione per sollecitare una Commissione Consultiva.
Ora piu che mai è necessario che tutti gli appassionati, subacquei, balneari, cittadini,c anoisti, surfisti, amanti della natura ci supportino formalizzando una iscrizione. Il costo è di € 10 per tutto l'anno 2012. Non abbiamo per il momento ancora delle tessere da rilasciare (la tipografia non le ha ancora consegnate). Presso tutti i Diving Centers di Livorno si potranno comunque raccogliere le richieste e formalizzare in seguito il tesseramento. Dobbiamo essere tanti, arrivare nel giro di pochissimo ad almeno 300 associati. Il nostro non deve essere uno sfogo di pochi, bensì una esplicita richiesta di un movimento d'opinione affinchè venga ratificata dalla Regione Toscana la Direttiva comunitaria, così come avvenuto in Sardegna."

Sotto trovate il link al sito dell'Associazione

mercoledì 14 marzo 2012

La Caletta oltre le colonne romane

Una breve carrellata di quello che si vede sott'acqua alla Caletta.

Con calma La Tribù sta arricchendo l'archivio fotografico della costa lericina.

Gli incontri ci sono eccome! Dalle gorgonie a 8 metri di profondità, fino ad animali per i quali ci va un pò di occhio ma neanche più di tanto! Basta essere curiosi!
Non mancano poi i giochi di luce grazie ad anfratti e grottine accessibili a tutti!





martedì 13 marzo 2012

Serata Caletta: il comunicato stampa


 Ormai ci siamo... manca veramente pochissimo ed ecco il comunicato stampa per la serata del 16 Marzo sull'archeologia subacquea a Lerici uscito su www.cronaca4.it e www.cittadellaspezia.com. La notizia è stata anche linkata sulla pagina Facebook di Archeologia Subacquea!

Una nuova iniziativa legata alla subacquea delle associazioni “5 Terre Academy” e “La Tribù” che per Venerdì 16 marzo alle ore 21.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Lerici (SP), organizzano con la preziosa collaborazione di“Dalla Colombina Spearfishing”e de “La Rotonda” Dal passato una colonna per il futuro.
La Caletta di Lerici, un esempio di archeologia subacquea”con l’archeologo Marco Casola con il supporto e il patrocinio del Comune di Lerici.
“Questa iniziativa” ci dice Ilaria Gonelli de “La Tribù” “si inserisce nella valorizzazione delle bellezze dei fondali del litorale lericino che stiamo portando avanti da parecchio tempo e che tocca in questo caso una realtà sconosciuta ai più”.

Sono in pochi infatti, anche tra i Lericini, a sapere che in una delle calette più suggestive di questo tratto di costa, circa 2.000 anni fa una nave da carico romana nel tentativo disperato di trovare un approdo nel mezzo di un fortunale, affondò in pochi metri d’acqua.

Sotto la guida dell’archeologo Casola si andrà quindi ad una riscoperta del golfo di La Spezia e del Portus Lunae e del fiorente commercio del marmo che, dalle cave di Carrara raggiungeva i punti più lontani dell’intero e vasto impero romano. Si scenderà a parlare poi del relitto, del carico e delle campagne di scavo con la partecipazione anche del Dott. Gianpiero Martino, ex-funzionario della Soprintendenza che ha diretto gli scavi alla Caletta, si affronterà anche il discorso di una musealizzazione subacquea dell’area.

“ È una cosa che ci sta molto a cuore” dice Leonardo D’Imporzano, presidente di 5 Terre Academy, che aggiunge “la valorizzazione del patrimonio archeologico in situ è ormai una realtà consolidata nella Regione Siciliana, basti pensare ai progetti avviati e consolidati negli anni a Pantelleria. La zona particolarmente suggestiva, l’estrema vicinanza, la bassa profondità che la rende fruibile anche ai neo-brevettati, ha un potenziale turistico da non sottovalutare”.

lunedì 12 marzo 2012

I 75 anni di attività di Dalla Colombina



75° ANNIVERSARIO DI ATTIVITA' COMMERCIALE

Ebbene, ci siamo! Dal nostro ultimo festeggiamento, questo lustro è veramente “volato”, “immersi” nel nostro lavoro, insieme a Voi!
75 anni di attività sono veramente tanti, con l'entrata di Flavio siamo giunti alla 4° generazione... Caterina Zanelli, Colombina Nocetti, Tiziana Lampugnani e Gianni Nicolai, ora Flavio Nicolai.... il negozio storico ha avuto l'onore di ospitare personaggi del passato della pesca in apnea quali Rodolfo Betti (Marò), Egidio Cressi...

Citati tantissime volte su giornali, riviste, libri, guide turistiche... Da bottegai a commercianti...fino ai nostri successi nell' e-commerce!

Tanto tempo al servizio dei Clienti, che ci hanno fatto crescere e diversificare l'attività commerciale, “spalmata” nelle attuali sei sedi... due punti vendita, due superfici espositive aperte al pubblico, due magazzini.

Non solo vendita... tra i primissimi in Italia abbiamo promosso conferenze e incontri con Campioni e personaggi di rielievo dell'Apnea e della Pesca in Apnea; Alberto Balbi, Massimo Boyer, Marco Bardi, Stefano Bellani, Leonardo Cagnolati, Gabriele Delbene, Gianluca Genoni, Umberto Pelizzari...

Grandi successi ottenuti anche grazie alla disponibilità delle Aziende del settore, del Comune di Lerici e alla collaborazione di La Tribù, della Asd La Rotonda e di 5 Terre Academy. Sport, divertimento e conoscienza in sicurezza massima, la parola d'ordine.

Veramente tanto tempo... le parole sono belle, ma per 75 anni non si può “bluffare”, ne converrete; se non si mettono in campo cose buone e concrete, è improbabile durare a lungo e con buon apprezzamento.

Un grazie di cuore a tutti coloro che ci hanno sostenuto in questi anni!

Tiziana, Gianni, Flavio.

giovedì 8 marzo 2012

Dal passato una colonna per il futuro


Ormai ci siamo: possiamo dire che praticamente è tutto pronto e la notizia si sta diffondendo in rete (prossimamente anche sulla carta stampata)!

Sotto potete leggere l'articolo che Leonardo D'Imporzano ha pubblicato sul suo blog sulla Gazzetta dello Sport. Lo stesso articolo che trovate sul blog del negozio DallaColombina!

Venerdì 16 marzo alle ore 21.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Lerici (SP), una nuova iniziativa del “cartello” spezzino della subacquea: “5 Terre Academy” e “La Tribù Diving Academy” con la preziosa collaborazione di “Dalla Colombina Spearfishing”e de “La Rotonda”, organizzano, sotto il patrocinio del Comune di Lerici, “Dal passato una colonna per il futuro. La Caletta di Lerici, un esempio di archeologia subacquea” con l’archeologo Marco Casola.

Sono in pochi, anche tra i Lericini, a sapere che in una delle calette più suggestive di questo tratto di costa, circa 2.000 anni fa una nave da carico romana nel tentativo disperato di trovare un approdo nel mezzo di un fortunale, affondò in pochi metri d’acqua.

Con l’archeologo Casola si andrà quindi ad una riscoperta del golfo di La Spezia e del Portus Lunae e del fiorente commercio del marmo che, dalle cave di Carrara raggiungeva i punti più lontani dell’intero e vasto impero romano. Si scenderà a parlare poi del relitto, del carico e delle campagne di scavo con la partecipazione anche del Dott. Gianpiero Martino, ex-funzionario della Soprintendenza che ha diretto gli scavi alla Caletta, affrontando anche il discorso di una musealizzazione subacquea dell’area, su esempio di quanto fatto dalla Sovrintendenza della Regione Siciliana e di un nuova campagna di scavo/studi sulla zona.

lunedì 5 marzo 2012

Trofeo Andreani: il podio



Ieri si è svolto nelle acque tra Portovenere e la Secca del Grimaldo il Trofeo Andreani (gara a squadre).
Al momento non abbiamo ancora foto e racconto - penso arriveranno a breve...

Intanto ecco il podio:

1° Blangero, Lai e Petri  - Circolo Pescatori Rapallesi
2° Griselli, Silvestri e Pisello - Vela e Motore
3° Lippi, Poggioli e Tonazzini - Centro sub alto Tirreno

sabato 3 marzo 2012

100.000 visite: GRAZIE!!!


100.000 mila grazie!!! Oggi pomeriggio abbiamo sfondato il muro dei 100.000 tuffi all'interno del nostro blog!

Questo per noi è un grande risultato tenendo conto che siamo partiti solo 3 anni fa!

Noi cerchiamo di metterci tutto l'impegno e siamo sempre più motivati!
La Tribù sta crescendo e lo sta facendo anche grazie a voi internauti che ci seguite!

La Tribù è ognuno di noi e ognuno di voi.... e per festeggiare vi riproponiamo un video della Tribù targato 2010