sabato 26 maggio 2012

Golfo dei poeti: un intenso fine settimana!



Il fine settimana del Golfo dei poeti è denso di appuntamenti: stamattina ha aperto le danze Portovenere con la pulizia dei fondali.
Il testimone è poi passato a Lerici dove, grazie all'aiuto dei subacquei supportati egregagiamente da imbarcazioni e personale a terra, è stato riempito un camioncino di materiale pronto per la discarica!

Domani potrete leggere un resoconto più dettagliato.. al momento vi lasciamo con un pò di curiosità!

E mentre a Lerici eravamo impegnati a dare una pulita, alle Grazie si parlava di un argomento interessante che è stato pubblicizzato anche sulla cronaca locale della Nazione con un articolo di Corrado Ricci che vi riproponiamo!

"IN UN SOL colpo tre benefici: ripopolamento ittico, salvaguardia dei tesori ambientali marini e nuova linfa al comparto turistico, destinato a «modellarsi» a misura di un target vacanziero di valore, fatto di persone che più di altre conoscono e amano il mare: i subacquei. Sì, il turismo subacqueo potrebbe costituire la nuova frontiera dell’economia del mare, con un presupposto che è esso stesso un’opportunità: l’utilizzazione intelligente, capace di perpetrane la memoria, delle navi radiate dalla Marina Militare o anche di quelle civili destinate alla demolizione. Invece che fatte a pezzettini con la fiamma ossidrica, dovrebbero essere affondate sul fondo, per diventare un’attrazione. Si chiama «scuttling», cioè a dire: naufragio pilotato di navi per realizzare parchi sottomarini. Ne esistono circa 200 in giro per il mondo, 70 solo negli Stati Uniti. L’Italia è ancora al palo. Ma le potenzialità che può dispiegare sono enormi, soprattutto alla Spezia. Il tema sarà sviluppato nell’ambito della «tre giorni» dedicata alla subacquea che si svolgerà, dal 25 al 27 maggio, alle Grazie, «Città dei palombari», per iniziativa della casa editrice Sagitta (che pubblica la rivista Mare), con la collaborazione della Pro Loco e il patrocinio del Comune di Porto Venere. Una full immersion.. è proprio il caso di dire, tra mostre, convegni, conferenze, attività dimostrative e pulizia dei fondali dell’insenatura.
LA PROPOSTA che sarà presentata e discussa da esperti della subacqua e uomini delle istituzioni è quella di destinare all’affondamento, su un fondale di circa 30 metri, al largo di Porto Venere, due unità grigie radiate, le fregate Carabiniere e Alpino, e il relitto della Williamsburg, la nave presidenziale di Truman e Eisenhower che, finita nel golfo nella prospettiva del restauro, è ancorà lì, ai moli della Navalmare, bonificata, in attesa di un futuro. «Affondarle e renderle un’attrazione potrebbe essere un’operazione estremamente redditizia, in prospettiva» dicono i promotori dell’iniziativa, che indicano un esempio promettente: «A Malta, dove da tre anni sono stati realizzati diversi parchi sottomarini all’insegna dello scuttling, il turismo ha avuto un grande salto di qualità: si calcolano in 450mila le presenze di subacquei (e familiari) sbarcati sull’isola, provenienti da tutta Europa con l’obiettivo delle immersioni sui relitti». "


A domani con le foto e il resocondo di "Fondali puliti 2012" a Lerici!

Nessun commento: